Il miglior forum di libri e lettori d'Italia, recensioni, consigli di lettura, proposte editoriali

Reply

Moravia, Alberto - Gli indifferenti

« Older   Newer »
view post Posted on 6/11/2008, 23:40 Quote
Avatar

Cumolonembo

Group:
Libridinosi
Posts:
254

Status:


Moravia descrive meschinità e ipocrisie della società borghese, inautentica, convenzionale, sdoppiata tra ciò che ciascuno pensa e ciò che invece dice in un clima di costante menzogna. I due giovani fratelli soffrono, ma si adattano passivamente mentre Leo, personaggio immune da qualsiasi ripensamento, è solamente disposto, con ogni mezzo, a raggiungere i suoi scopi.

All'uscita del romanzo (1929) fu evidente lo stacco violento dall’atmosfera culturale del tempo: di fronte all’evasività lirica dei prosatori d’arte d’estrazione rondista, alle astrattezze dei moralisti, ai primi segni di una narrativa della memoria perduta in un’aura senza tempo, Moravia oppose una rappresentazione cruda e acre dei vizi segreti della società borghese. Egli si rifece alla grande tradizione del realismo ottocentesco, non senza un gelido furore polemico verso i personaggi. Di qui la tensione rattenuta del suo stile, uguale, monotono, grigio, di una precisione un po’ pedantesca.
 
PM Email  Top
view post Posted on 6/11/2008, 23:55 Quote
Avatar

Oui, c'est moi

Group:
BOSS
Posts:
34,988

Status:


Wow!!!! che bella recensione!!!!!!!!

Sono le piccole cose a fare grande il mondo smiley_sign.0980317001412069722...con i libri si viaggia.... gif

libridine2
 
PM Email  Top
Giu74
view post Posted on 7/11/2008, 10:40 Quote




Quota la Pra... è da un paio danni che il romanzo di Moravia giace sulla mia libreria dopo questa recensione è il caso che prenda in consideraione più seriamente la sua lettura... (vista la lunga lista dei libri da leggere è inutile fare previsioni :P
 
Top
view post Posted on 7/11/2008, 18:55 Quote
Avatar

I set a course for winds of fortune

Group:
Libridinosi
Posts:
8,408
Location:
Val Camonica in trasferta milanese

Status:


però...è nella lista dei libri che mi ha consigliato il mio prof di italiano... ora so che anche questo è da mettere in lista...:)

La nostalgia del Paradiso è il desiderio dell'uomo di non essere uomo.


bannerforumlibri58


If you can keep your head when all about you
Are losing theirs and blaming it on you,
If you can trust yourself when all men doubt you,
But make allowance for their doubting too;
If you can wait and not be tired from waiting,
Or being lied about, don't deal in lies,
Or being hated, don't give way to hating,
And yet don't look too good, nor talk too wise:
If you can dream - and not make dreams your master;
If you can think - and not make thoughts your aim;
If you can meet with Triumph and Disaster
And treat those two impostors just the same;
If you can bear to hear the truth you've spoken
Twisted by knaves to make a trap for fools,
Or watch the things you gave your life to, broken,
And stoop and build 'em up with worn-out tools;
If you can make one heap of all your winnings
And risk it on one turn of pitch-and-toss,
And lose, and start again at your beginnings
And never breathe a word about your loss;
If you can force your heart and nerve and sinew
To serve your turn long after they are gone,
And so hold on when there is nothing in you
Except the Will which says to them: "Hold on!"
If you can talk with crowds and keep your virtue,
Or walk with Kings - nor loose the common touch,
If neither foes nor loving friends can hurt you,
If all men count with you, but none too much;
If you can fill the unforgiving minute
With sixty seconds' worth of distance run:
Yours is the Earth and everything that's in it,
And - which is more - you'll be a Man, my son!

Kipling
 
PM Email  Top
Laura Palmer
view post Posted on 7/11/2008, 21:54 Quote




Io l'ho letto giustappunto al liceo...e non mi è piaciuto affatto! Anzi, a dirla tutta, l'unico di Moravia che mi è piaciuto abbastanza è Agostino.
Il fine del romanzo l'ho capito e assimilato, ma leggerlo è una fatica erculea e lo stile, funzionante senz'altro alla storia, è però più pesante di un pranzo di matrimonio di quelli meridionali, protratto dalle 13 alle 23!
 
Top
view post Posted on 12/5/2009, 19:44 Quote
Avatar

I set a course for winds of fortune

Group:
Libridinosi
Posts:
8,408
Location:
Val Camonica in trasferta milanese

Status:


il messaggio di Moravia è chiarissimo: nei personaggi l'indifferenza è ostentata al punto che lo stesso lettore non riesce a stupirsi fino in fondo per ciò che accade lungo la vicenda. i fatti si susseguono con lentezza, i pensieri dei personaggi scorrono fra i dialoghi come dei lunghi flussi di coscienza, e devo ammettere che alla volte la noia ha assalito anche me.
però questo romanzo mi ha affascinata sia per la tematica antimoralista che per lo stile preciso, realistico.
Moravia presenta perfettamente la vita borghese, nella quale regnano la falsità, l'ipocrisia, il calcolo sistematico, l'interesse materiale che spinge all'azione, un'azione che per quanto possa essere producente è vissuta con distacco, spesso disgusto. Carla e Michele sono vittime ed esecutori allo stesso tempo; spettatori della loro apatia, fautori consapevoli dei loro destini, e senza trovare via di fuga, senza provare sentimento si adeguano, conformandosi alla società,di cui la madre è l'emblema, arrancando nel futuro con passività, prigionieri della loro indifferenza.

La nostalgia del Paradiso è il desiderio dell'uomo di non essere uomo.


bannerforumlibri58


If you can keep your head when all about you
Are losing theirs and blaming it on you,
If you can trust yourself when all men doubt you,
But make allowance for their doubting too;
If you can wait and not be tired from waiting,
Or being lied about, don't deal in lies,
Or being hated, don't give way to hating,
And yet don't look too good, nor talk too wise:
If you can dream - and not make dreams your master;
If you can think - and not make thoughts your aim;
If you can meet with Triumph and Disaster
And treat those two impostors just the same;
If you can bear to hear the truth you've spoken
Twisted by knaves to make a trap for fools,
Or watch the things you gave your life to, broken,
And stoop and build 'em up with worn-out tools;
If you can make one heap of all your winnings
And risk it on one turn of pitch-and-toss,
And lose, and start again at your beginnings
And never breathe a word about your loss;
If you can force your heart and nerve and sinew
To serve your turn long after they are gone,
And so hold on when there is nothing in you
Except the Will which says to them: "Hold on!"
If you can talk with crowds and keep your virtue,
Or walk with Kings - nor loose the common touch,
If neither foes nor loving friends can hurt you,
If all men count with you, but none too much;
If you can fill the unforgiving minute
With sixty seconds' worth of distance run:
Yours is the Earth and everything that's in it,
And - which is more - you'll be a Man, my son!

Kipling
 
PM Email  Top
view post Posted on 13/5/2009, 12:07 Quote
Avatar

Inverno 1929

Group:
BOSS
Posts:
12,104
Location:
Roma

Status:


CITAZIONE (abtonung @ 12/5/2009, 19:44)
Moravia presenta perfettamente la vita borghese, nella quale regnano la falsità, l'ipocrisia, il calcolo sistematico, l'interesse materiale che spinge all'azione, un'azione che per quanto possa essere producente è vissuta con distacco, spesso disgusto. Carla e Michele sono vittime ed esecutori allo stesso tempo; spettatori della loro apatia, fautori consapevoli dei loro destini, e senza trovare via di fuga, senza provare sentimento si adeguano, conformandosi alla società,di cui la madre è l'emblema, arrancando nel futuro con passività, prigionieri della loro indifferenza.

la tua chiave di lettura non poteva essere più efficace di così

E' una lettura impegnativa ma fondamentale secondo me, e una volta entrati in confidenza con Moravia, i suoi libri si leggono con maggior facilità

Personalmente non lo trovo pesante (sarà che i grossi, grassi matrimoni del sud mi divertono molto)
:lol:
 
PM Email  Top
view post Posted on 14/5/2009, 17:45 Quote
Avatar

I set a course for winds of fortune

Group:
Libridinosi
Posts:
8,408
Location:
Val Camonica in trasferta milanese

Status:


:lol: infatti io non l'ho trovato pesante, in alcuni capitoli però dilungava troppo certe scene un po' noiose :)

La nostalgia del Paradiso è il desiderio dell'uomo di non essere uomo.


bannerforumlibri58


If you can keep your head when all about you
Are losing theirs and blaming it on you,
If you can trust yourself when all men doubt you,
But make allowance for their doubting too;
If you can wait and not be tired from waiting,
Or being lied about, don't deal in lies,
Or being hated, don't give way to hating,
And yet don't look too good, nor talk too wise:
If you can dream - and not make dreams your master;
If you can think - and not make thoughts your aim;
If you can meet with Triumph and Disaster
And treat those two impostors just the same;
If you can bear to hear the truth you've spoken
Twisted by knaves to make a trap for fools,
Or watch the things you gave your life to, broken,
And stoop and build 'em up with worn-out tools;
If you can make one heap of all your winnings
And risk it on one turn of pitch-and-toss,
And lose, and start again at your beginnings
And never breathe a word about your loss;
If you can force your heart and nerve and sinew
To serve your turn long after they are gone,
And so hold on when there is nothing in you
Except the Will which says to them: "Hold on!"
If you can talk with crowds and keep your virtue,
Or walk with Kings - nor loose the common touch,
If neither foes nor loving friends can hurt you,
If all men count with you, but none too much;
If you can fill the unforgiving minute
With sixty seconds' worth of distance run:
Yours is the Earth and everything that's in it,
And - which is more - you'll be a Man, my son!

Kipling
 
PM Email  Top
daphne86
view post Posted on 23/11/2010, 01:40 Quote




Me ne sono innamorata appena letto:è tra i miei libri preferiti!!

Moravia riesce a farti immedesimare appunto con i protagonisti, facendoti provare la loro indifferenza nei confronti della vita, indifferenza che non riescono a superare nemmeno in alcune situazioni diciamo "forti"..

E l'indifferenza, passatemi il termine, è una gran brutta bestia che colpisce ancora oggi la società. Secondo me è un ottimo libro, che fa riflettere e che si può considerare benissimo ancora attuale!

voto 10/10
 
Top
view post Posted on 4/1/2014, 12:36 Quote
Avatar

Temporale

Group:
Libridinosi
Posts:
583

Status:


Finito Moravia...Che dire de "Gli indifferenti"? Un romanzo che io oserei definire nichilista,dove pagina dopo pagina il lettore osserva il deteriorarsi di speranze ed illusioni e il consolidarsi di una realtà immobile..quasi un fermo immagine. Indifferenza di fronte ad una vita che si ripete come un cliché,indifferenza alla propria stessa sorte e al contempo un dolore che non è proprio un dolore ma più una voglia di rovina cercata per noia,per scuotere il placido ma squallido lago dove si specchiano queste esistenze.
Una lettura che consiglio,ma non a tutti..solo a chi riesce ad immedesimarsi almeno per un istante in quel preciso stato d'animo che Moravia descrive da maestro.

Un bel 10/10 è il mio voto.

“Peut-on illuminer un ciel bourbeux et noir?”

(Si può dar luce a un cielo senz’alba e senza sera?)

C.Baudelaire



ifioridelmale

 
PM Email Web  Top
9 replies since 6/11/2008, 23:40
 
Reply